In Italia se piove ci scappa il morto ma per i partiti l’emergenza è un business

COMMISSIONE-AMBIENTE-COMMISSIONE-620x330

“Dissesto idrogeologico: in Italia se piove poche ore ci scappa il morto. Non è vero che non ci sono i soldi o non ci sono le leggi per contrastare il fenomeno. La Commissione Ambiente del M5S e il mio collega Massimo De Rosa vi presentano tutte le proposte che abbiamo fatto in questi mesi. Il problema è che vogliono l’emergenza! Perché con l’emergenza ci mangiano i loro amici, il crimine organizzato, la ndrangheta pure in Liguria. Ci sono decine di Comuni anche nel Nord sciolti per mafia. L’emergenza è un business, non si vuole affrontare il fenomeno da un altro punto di vista perché se c’è l’emergenza si va in deroga a determinate leggi e si assegnano appalti senza gare, senza concorsi, senza regolarità ad amici degli amici spesso immischiati con il crimine organizzato.

Abbiamo messo a disposizione del governo varie proposte di legge. Partiamo dal GeoBonus, cioè dare una defiscalizzazione del 65% per tutte le opere contro il dissesto idrogeologico, svincolare i Comuni dal patto di stabilità per le opere contro il dissesto. Però non dobbiamo solo intervenire sui problemi strutturali, e quindi sulle opere da fare, ma dobbiamo intervenire anche sui problemi non strutturali, e quindi dobbiamo fare prevenzione; dobbiamo intervenire sui piani di emergenza dei Comuni, e quindi verificarli, aggiornarli; dobbiamo intervenire sulle reti di monitoraggio e sugli studi all’Università, dobbiamo dare soldi alla ricerca altrimenti non riusciamo a prevenire questi eventi calamitosi.

Se riusciremo a prevenirli, noi risparmieremo dei soldi, perché costa molto meno fare opere d prevenzione che opere di risistemazione dopo l’evento. In più non dimentichiamo: risparmieremo sempre vite umane. Queste proposte sono già depositate, sono in discussione in parte, ma il governo arriva sempre in ritardo. Avete ascoltato le proposte della Commissione Ambiente. Vi renderete conto adesso che il problema in Italia è soltanto legato all’informazione, quindi vi chiediamo una mano: diffondete le nostre proposte, perché sono proposte che possono salvare delle vite!”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...