La #Scuolatruffa. Oltre 30mila assunzioni a rischio. Le balle crescono

scuolatruffa
Questo è il disegno più antidemocratico mai previsto per la scuola. I docenti l’hanno capito e il Bomba non può crederci “possibile che non siano tutti coglioni quelli che mi ascoltano?” sembra pensare. Il ministero con lo strumento della valutazione, che può apparire neutro, in realtà realizza delle leve di comando dal governo ai dirigenti e dai dirigenti ai docenti. E la scuola è spacciata, la libertà di insegnamento è spacciata, la democrazia è defunta nel Paese. Tutto questo è farcito da una truffa colossale e le balle crescono.

BALLA 1 – Al rischio altre 30mila assunzioni
Le 100mila assunzioni potrebbero essere 70mila perché 30mila docenti in GAE non troverebbero corrispondenza con le supplenze annuali disponibili. O saltano 30mila posti o il governo riesce ad assegnare ai docenti specializzati ed abilitati una materia diversa da quella che hanno sempre insegnato o per la quale sono abilitati. Operazione che se non riesce fa saltare le assunzioni come è sottolineato nel disegno di legge governativo. Quindi le 100mile assunzioni sono virtuali.

BALLA 2 – Tagli all’istruzione per restare ultimi
L’investimento in istruzione decantato non esiste. Nel Documento di Economia e Finanze si scrive di voler ridurre la spesa per istruzione per i prossimi 15 anni e siamo già 30 miliardi sotto la media europea secondo i dati OCSE

BALLA 3 – I docenti tra i meno pagati per l’OCSE
Hanno annunciato di aver salvato gli scatti stipendiali, ma nel Documento di Economia e Finanza troviamo il blocco degli scatti stipendiali per i prossimi 3 anni. Quindi hanno ridotto i soldi per gli scatti per merito e cancellato per i prossimi 3 anni gli scatti per anzianità di servizio

BALLA 4 – Finta autonomia per un sistema centralizzato e contro la libertà
Non ci sarà autonomia reale degli istituti. Perché l’organico aggiuntivo di 50mila docenti per realizzare l’autonomia e differenziare i percorsi didattici e l’offerta formativa come va decantando il governo non esiste. Questi docenti dovranno svolgere l’ordinario lavoro sulla propria disciplina o su un’altra senza averne le competenze visto che i posti vacanti sulle discipline sono maggiori degli assunti. La finta autonomia e il potere ai dirigenti servirà solo a creare un sistema di comando dal governo in tutte le scuole passando per un finto sistema neutro che è la valutazione. Finto perché ad oggi non esiste ancora alcun criterio valido e non è mai partita la valutazione nemmeno in forma sperimentale, questo garantisce arbitrarietà al governo che si prende le deleghe su questi temi

BALLA 5 – Scuola digitale al palo
Anche la retorica dell’innovazione digitale va a sbattere. Se il dirigente volesse investire in una scuola più innovativa con maggior docenti di Informatica e Tecnologia non potrà farlo. Gli insegnanti in Informatica, Chimica, Meccanica, Tecnologia, Scienza e tanti altri ancora scarseggiano nelle Graduatorie di Esaurimento (GAE) e non si potrà nemmeno soddisfare l’esigenza ordinaria.

BALLA 6 – Ancora precarietà nella scuola
Con la buona scuola non si elimina il fenomeno delle supplenze. Oltre 55mila saranno le supplenze per l’intero anno da svolgere nel 2015/16 in tutte le scuole italiane. Tuttavia non ci sarà personale per i tagli in legge di stabilità per fare le supplenze fino a 10 giorni. Gli studenti vagheranno nella scuola senza docente.

BALLA 7 -Eliminazione dei precari e non del precariato
La Graduatoria di esaurimento non viene esaurita, e 19mila docenti in GAE che dovevano essere assunti dal 2006 verranno cancellati e buttati in mezzo ad una strada non avendo più la possibilità di mettere piede nella scuola

BALLA 8 – Nessuna continuità didattica per gli studenti disabili
Nessuna continuità didattica per gli studenti disabili. Ben 28mila docenti di sostegno saranno ancora supplenti nonostante i 100mila assunti. Ma ciò accadrà anche per gli insegnanti di chimica, Meccanica, Tecnologia, Informatica, Scienza e tanti altri. Questo per la scelta scellerata del governo di rivolgersi solo agli insegnanti in Graduatoria di esaurimento che non rispondono al fabbisogno e non assumere anche gli abilitati, persone che hanno svolto un anno di formazione dopo la laurea pagando dai 3 ai 4mila euro per il corso universitario autorizzati dal MIUR con selezione all’ingresso.

Annunci

Prima stella: edilizia scolastica. #7SoluzioniScuola

01(1)
#‎7SoluzioniScuola‬ Su 41000 edifici esistenti ben 21mila hanno degli impianti non funzionanti, circa 9000 edifici hanno gli intonaci che crollano e più di 3600 edifici hanno bisogno degli interventi sulle strutture. Negli ultimi mesi sono 30 le tragedie sfiorate. Mentre il governo butta soldi in TAV, F35, EXPO e MOSE il M5S vuole investire in sicurezza per i cittadini ed ha depositato una proposta di legge per un intervento strutturale ed organico sull’edilizia scolastica.

Ma non basta la sicurezza, sono necessari anche nuovi ambienti flessibili, moderni, open space per una scuola del futuro. Questa è una delle soluzioni per la scuola che il M5S presenterà venerdì alle 17 a Napoli, alla Città del Sole, ex Asilo Filangieri, nei pressi di San Gregiorio Armeno. Ora tocca a voi la proposta di legge è su LEX pronta a ricevere le vostre modifiche in rete sul sistema operativo del M5S e durante le assemblee pubbliche sui territori

La scuola non è un gioco. #‎GiannniniACasa‬ ‪#‎RenziDilettante‬

renzi_buona_scuola_1

Giannini e Renzi i numeri li stanno dando da luglio 2014. E stanno tenendo anche uno spettacolo indegno. L’unica cosa che è ben chiara della Buona scuola di Renzi sono i soldi alle scuole private che ormai è un chiodo fisso del MInistro Giannini e di tutto il PD.

Anche al M5S piacerebbe tanto un un sistema di valutazione ma del ministro dell’istruzione e non ci vuole la sfera di cristallo per capire che la Giannini verrebbe subito mandata a casa da tutti i cittadini per manifesta incapacità. I docenti che lei non vuole assumere hanno superato un concorso pur se non hanno mai insegnato.

Qualcuno spieghi a Renzi e al Ministro che la scuola non è un giocattolo e i gli italiani non sono dei deficienti da prendere in giro. Noi cittadini eletti con il M5S eravamo gli inesperti, ma a differenza del dilettante allo sbaraglio oggi Presidente del Consiglio, noi ne eravamo consapevoli e ci siamo messi a lavorare e studiare depositando importanti proposte di legge che affrontano i problemi della scuola in modo strutturale. Il Bomba invece preferisce trasformare tutto in marketing, slogan, parole vuote e comparsate televisive.

“Assumiamo 150mila docenti!” “No 120mila!” “No, facciamo un piano pluriennale di assunzioni!” “Assumiamo tutti i precari delle graduatorie di esaurimento!” “No quelli che hanno vinto il concorso ma non hanno mai lavorato li lasciamo a casa!” “Cancelliamo gli scatti stipendiali per anzianità di servizio!” “No ne cancelliamo solo 2 terzi continuando ad impoverire il personale della scuola meno pagato di Europa!” Bla, bla, bla

Il ministro non può cancellare gli scatti di anzianetà senza i tavoli di concertazione con i lavoratori. Non si possono modificare gli stipendi per legge. Già per quest’anno con il blocco degli scatti stipendiali il governo ha sottratto 350 milioni ai lavoratori della scuola. Lo stipendio dei lavoratori è stato già ridotto dal governo e lo sarà ancora. Renzi non ha messo un euro su questa riforma e sarà sempre il suo problema.

Siamo stanchi. E’ ora di riprenderci il paese. Iniziamo dalla scuola e dobbiamo esserci tutti a scrivere le pagine della storia. Renzi ha annullato il decreto della Buona Scuola previsto per venerdì al Consiglio dei Ministri. Noi invece facciamo sul serio e venerdì confermiamo la presentazione delle ‪#‎7soluzioniScuola‬ alle 17 a Napoli, alla Città del Sole, ex Asilo Filangieri, nei pressi di San Gregiorio Armeno. Ci saranno tutti i deputati e senatori M5S della commissione cultura

Non ci saranno le 150mila assunzioni. Renzi rinvia ancora

locandina-invito-7-soluzioni
Ormai ci sono due modelli di società, quella di Renzi e dei poteri forti che vogliono una società fondata sul precariato, sull’incertezza, sui continui esodi di giovani qualificati all’estero e sulla svendita del Paese, cioè la stessa filosofia di Berlusconi e quella del M5S che difende il proprio paese e vuole mettere in sicurezza i cittadini con una soluzione strutturale al precariato nel Paese e nel mondo della scuola.

Il Pd non riesce nemmeno a ripristinare lo stato della scuola prima dello sfascio della Gelmini, eppure parlava nel suo programma del 2013 di 30 miliardi di investimenti ed oggi non riesce a dare un euro al ministero dell’istruzione. Il M5S non chiede la luna ma solo il reintegro degli 8 miliardi tagliati all’istruzione nella precedente legislatura. Nel 2015, la Buona Scuola di Renzi si paga con i tagli fatti in Legge di Stabilità e con il blocco stipendiale dei lavoratori della scuola

Io chiedo a tutti i presenti di darci una mano perchè solo insieme riusciamo a portare la scuola e la verità al centro del futuro del Paese. Noi, dopo 2 anni di lavoro e confronto con gli attori del mondo della scuola rilanciamo con incontri in tutti italia e cominiciamo da Napoli Venerdì alle 17 alla Città del Sole, ex Asilo Filangieri, nei pressi di San Gregiorio Armeno promuovendo in anteprima le Sette Soluzioni per la Scuola. Il giorno dopo saremo A San Severo in Puglia. Vi prego di partecipare perchè la scuola o è un luogo democratico o non è più scuola.

P.S. mandate questa locandina via email e telefonate a tutte le persone che possono essere coinvolte in questo processo

[YOUTUBE=https://www.youtube.com/watch?v=7_MOHHCtzX8]

Tutto quello che non vi dicono sui risultati del M5S per la Scuola

7soluzioni
Quello che non vi hanno mai detto sul M5S, sul suo impegno nel mondo della scuola e sui risultati ottenuti è in esclusiva in questo video.

Potrai ascoltare i parlamentari della commissione Cultura senza filtro il 27 Febbraio alle ore 17 a Napoli a La Città del Sole, ex Asilo Filangieri in zona San Gregorio Armeno quando presenteremo in anteprima nazionale SETTE SOLUZIONI PER LA SCUOLA. Denunceremo i danni della “Buona” Scuola di Renzi e i cittadini avranno ampio spazio per fare le loro proposte ed osservazioni sulla scuola reale che vivono ogni giorno in qualità di insegnanti, genitori, studenti e personale ATA.

Il 28 saremo a San Severo in Puglia. Non mancare, non ci saranno altre occasioni per cambiare questo Paese

Cultura & corruzione

augius
La cultura è sempre più in mano alla corruzione. “Il più vorace era Corrado Augias che era assillante nei pagamenti in nero sfiorando l’indecenza” è quanto dichiara il fondatore del premio letterario condannato in primo grado, in Piemonte, al processo alla Corte d’appello per lo scandalo del Grinzane Cavour. Augius nega, ma non fa causa. Svuota il sacco e racconta un quadro bibartisan dove vengono tirati in ballo Mercedes Bresso (ora eurodeputata Pd), Giampiero Leo (Ncd), l’assessore Alfieri (Fiorenzo, ex componente della giunta comunale di Sergio Chiamparino), Gianni Oliva, ora consigliere regionale del Pd, l’ex Pd Gianni Vernetti e Gianluca Susta.

Come sempre del M5S neanche l’ombra in questi processi, un movimento di cittadini che dice sempre NO alla corruzione e quando grida “Onestà” in Parlamento viene chiamato fascista.

Cosa dice il presidente Orfini del PD al suo ministro

Orfini non ha il coraggio e la coerenza, in perfetta linea con i membri del suo Partito Democratico, di ripetere le parole che affermava per l’ex-ministro Bondi(PDL) quando ci fu il primo crollo negli scavi di Pompei sotto il governo Berlusconi. Nulla invece da dire contro i reiterati crolli del 2014-15 negli scavi archeologici di Pompei, e solo il M5S chiede le dimissioni di Franceschini Minsitro dei Beni Culturali del PD . Ultimo crollo è solo in ordine cronologico il muro di contenimento del giardino della Casa di Severus. Eppure le parole di Orfini si adattano perfettamente anche alla situazione di oggi. Ascoltate

GORI sarà liquidata e l’acqua sarà a gestione pubblica con un governo regionale 5 Stelle

acquaregione
Cari politicanti e furbastri della Campania, caro esercito di indagati, i cittadini hanno smesso di lasciarvi lavorare nel buio delle vostre stanze. La VII Commissione Ambiente ha ricevuto il diesgno di legge regionale per i servizi irdici che recepisce il Riordino del Sistema Idrico Integrato in Campania della Giunta di centrodestra di Caldoro nella delibera del 30.12.2014, durante le feste natalizie, quando tutti sono distratti da altre cose, per esprorpiare i Comuni di ogni potere decisionale sui servizi idrici, dalla tariffazione all’affidamento. Caldoro e le lobby dell’acqua vogliono il potere in mano a pochissime persone di un Consiglio di Ammministrazione.

In tutto questo disegno la GORI che ci sta sommergendo di bollette salatissime per ripianare i suoi centinaia di milioni di debiti, su cui pende ancora l’indagine “Acqua pulita” che indaga sull’assunzioni clientelari volute dai politici di centrodestra e centrosinistra, aumenterebbe il suo potere a dismisura. Possiamo impedirlo con la partecipazione: chiedendo un consiglio regionale monotematico sulla legge regionale dell’acqua. I nostri dipendenti eletti dai cittadini ci devono mettere la faccia su questo scempio.

Ma ci vedremo in Regione durante il consiglio regionale

Renzi, la faccia scema di Monti

Senato - Fiducia governo Renzi
Renzi, la faccia scema di Monti, è il curatore fallimentare dell’Italia che eseguendo gli ordini della Troika succhia sangue al popolo italiano e ai beni del Paese. In questo modo, se non ci liberiamo di Renzi a breve, il corpo Italia non avrà più forza per rialzarsi. Yanis VarouFakis (Ministro delle Finanze greco) racconta della paura che percorre gli operatori delle istituzioni italiane che si occupano di finanza e bilancio. Ascoltate

I soldi restituiti a microimprese, disoccupati, famiglie con disabili, cassa integrati

restituzione-fino-a-NOV-2014
C’è chi sfascia la costituzione e chi agisce per le persone in difficoltà in questo paese. C’è chi si occupa dei grandi evasori e chi delle microimprese. C’è chi regala 80 euro e chi con le stesse risorse si batte per un reddito di dignità per chi è sotto la soglia di povertà, uno strumento di inserimento lavorativo perchè legato alla riforma dell’agenzia del lavoro (ex collocamento). C’è chi crea un senato di consiglieri regionali inquisiti e condannati con immunità parlamentare e chi vuole un Parlamento pulito. Abbiamo rinunciato a 42 milioni di rimborsi elettorali e ci stiamo dimezzando gli stipendi e rendicontando le spese restituendo tutti i soldi non adoperati per il nostro lavoro in un fondo per il microcredito

Ma se noi facciamo la nostra parte, gli altri cittadini devono fare la loro per scacciare la Casta e per un’altro futuro fondato sul bene comune

Qui gli emendamenti approvati a prima firma Gallo e molti dei risultati del M5S

Dove sono i talk show che bastonano il gesto ignobile del deputato del PD?

DeputatoPD
Radio 2 ieri mattina è stata vergognosa. Mia moglie mi ha chiamato allarmata per la mia incolumità. Preoccupata dalla notizia FALSA sentita in radio che annunciava che i deputati del M5S fossero stati coinvolti in una rissa. Lo stesso accadeva su RTL 102, rai grpr.

Mio suocero invece mi ha chiesto come è possibile che la bagarre in aula avesse provocato l’aggressione che c’è stata di un deputato del PD verso un deputato di SEL. Leggendo tra le righe una notizia, si era reso conto che la cronaca del fatto non stava in piedi.

Il tg1 delle 13,30 di Giovedì faceva scorrere le immagini della rissa tra lega e ncd parlando di M5S e rainews24 alle 12 di Venerdì mostra deputati in piedi sui banchi di SEL aggrediti da UN DEPUTATO del PD raccontando di bagarre in aula del M5S con UN ignobile montaggio delle immagini.

Il M5S non si è MAI trovato coinvolto in gesti violenti ma i mezzi di informazioni trasmettano tutt’altra immagine.

E così ad una maggioranza che è violenta in aula si associa una apparato di media pubblici e privati che bastonano ogni dissenso, diffama, intimorisce le persone libere e indipendenti che non sanno contraddire o attaccare sul merito delle questioni politiche.

Nessuno che mette in risalto come il PD con questa riforma costituzionale vuole mettere al riparo La Casta più corrotta, quella dei consiglieri regionali di PD e Forza Italia.

Immaginate se un deputato del M5S avesse scazzottato qualcuno in aula, avremmo avuto tuttu i talk show e i programmi televisivi a parlare h24 dell’aggressione e della violenza di Grillo e del MoVimento. Dove sono i talk show che bastonano il gesto ignobile del deputato del PD?

Spero che presto capiremo che la nostra libertà ce la riprenderemo solo con i denti e se diventeremo tutti, e ripeto tutti, consapevoli di navigare in un mare di falsita da regime.